Questa mattina, nel 38° anniversario della strage di
Bologna, il sindaco Antonio Decaro ha deposto una corona d’alloro presso la
lapide affissa sulla facciata di Palazzo di Città che ricorda le 7 vittime
baresi della strage alla stazione.”Piangiamo le vittime di un delitto
la cui infamia non sarà mai più cancellata dalla coscienza del nostro popolo e
dalla storia. Sono le parole con cui Renato Zangheri, sindaco di Bologna, il 2
agosto del 1980 iniziò il suo discorso ai funerali delle 85 vittime di quella
ignobile strage. Tra quelle vittime c’erano sette dei nostri concittadini:
Sonia Burri, Francesco Cesare Diomede Fresa, Vito Diomede Fresa, Errica
Frigerio, Patrizia Messineo, Silvana Serravalli in Bàrbera e Giuseppe Patruno. Quel
giorno l’Italia si scoprì un Paese fragile, violabile, indifeso. Un Paese che
poteva essere colpito al cuore nella sua quotidianità. Questa è stata la strage
di Bologna, la vita interrotta da un boato. In una stazione, dove ogni giorno
passano ragazze e ragazzi, lavoratori pendolari, famiglie, il cuore stesso di
un popolo. Noi, oggi, abbiamo un dovere, quello di ricordare le vittime, il
dovere di continuare a cercare la verità per rendere giustizia a quelle vittime
e ai loro familiari, affinché il nostro Paese non torni ad essere violabile”.“La cerimonia odierna – conclude Decaro – serve anche a
ricordarci quanto sia importante scegliere con attenzione le parole e i toni
che utilizziamo perché possono portare all’odio, al razzismo e alla violenza. Avevo
dieci anni quando in televisione passarono le immagini di quella stazione
devastata, delle macerie, dello sgomento dei feriti e dei soccorritori… mia
figlia oggi ha nove anni e spero non debba mai assistere a tragedie di questo
tipo, anche se solo in tv”. 

 

Spread the love