Francesco
Antonioni è il compositore ospite della 14esima edizione del Festival URTIcanti
che si svolgerà a Bari dal 22 novembre al 18 dicembre 2018, al teatro Kismet e
nello spazio Anche Cinema Royal. Presentato da The Guardian come “a
composer who knows what he wants and how to acheive it”, ovvero un compositore
consapevole dei propri obiettivi artistici e dei mezzi necessari a perseguirli,
Francesco Antonioni (Teramo, 1971) è autore di musica sinfonica, cameristica,
d’opera e per balletto. I suoi committenti sono le maggiori orchestre e i
festival di tutto il mondo, i suoi interpreti direttori e solisti di assoluto
prestigio quali Antonio Pappano, Vladimir e Dimitri Ashkenazy, George Benjamin,
Evelyn Glennie, Yuri Bashmet e Beatrice Rana.

URTIcanti
dedica ad Antonioni una monografia di concerti affidati tra gli altri al
pianista Emanuele Arciuli e all’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana.

La 14esima
edizione di URTIcanti si apre il 22 novembre al teatro Kismet con il concerto Crumb
portrait, omonimo titolo del progetto discografico (ed. Ema Vinci records –
L&C) dedicato al compositore americano George Crumb da Maria Elena
Romanazzi (soprano) e Raffaella Ronchi (pianoforte). Il progetto è vincitore
del bando Puglia Sounds records 2018 e sarà presentato con un concerto dal vivo
arricchito dall’action painting della pittrice Cinzia Fiaschi.

Numerosi gli
ospiti del festival di quest’anno, tra cui il percussionista Filippo Lattanzi e
l’Apulian Youth Symphony Orchestra diretta da Teresa Satalino. All’interno
della programmazione lo spettacolo “Buia pietra” ispirato a un testo di Carlo
Levi su Matera, allestito dal duo clarinetto fagotto Erminia Nigro e Giuseppe
D’Amico con la partecipazione dell’attore Carmine Vertone. Per il secondo anno
URTIcanti accoglierà i giovani vincitori dell’URTIcontest 2018.

L’abbonamento,
il cui costo è rimasto invariato (20 euro) può già essere prenotato
all’indirizzogiordano.rob@libero.it

 

Spread the love